L'anno nuovo | Home in Calabria - Italy
  • L’anno nuovo

    “2003 , un anno difficile” prevedono i giornali .

    A Elisa non importa molto. Una nebbia densa e sottile le sta appannando di giorno in giorno la vista.

    Vorrebbe prendere un panno morbido,un giornale vecchio e pulire i suoi occhi come i vetri delle macchine calde e accoglienti,in montagna,quando si passava il Natale sulla neve. Ma non è possibile.

    E’ una patolologia senza rimedi e senza recuperi la “macula degenerativa”.

    Il nome è anche angosciante:fa pensare ad una pelliccia pregiata,ridotta in modo irriconoscibile da una famiglia di topi affamati.

    L’aspetto esteriore è intatto,gli occhi sono lucenti,anche se assomigliano a quelli vitrei delle bambole di pezza.

    “Sarà un lento degrado” ha detto l’oculista,”ma non si preoccupi,lei potrà’ ancora orientarsi per lungo tempo.”

    Orientarsi e come?

    Sulle pagine dei giornali, dove gli articoli di fondo sembrano ad Elisa degli strani geroglifici sbiaditi o in quelle notizie, scritte in piccolo, in fondo alla pagina, dove spesso si scoprono anticipazioni inedite di un giornalista attento e spregiudicato?

    Inevitabilmente scompare l’orientamento sul mondo di oggi e di domani e si spalanca l’approccio sui ricordi.

    Ecco il salotto, dove Elisa si sedeva bambina,con la cioccolata alla nocciola da sgranocchiare e i biscotti Oswego nella mano. I libri, appoggiati sul divano e divorati in fretta, in quei pomeriggi di maggio, mentre i grandi riposano e si avverte il calore delle giornate estive, che entra dalle tapparelle socchiuse,per non rovinare la tappezzeria…

    Quelle montagne di libri si affollano nel ricordo:la letteratura americana del dopoguerra,per scoprire un mondo nuovo come un frutto sconosciuto, i saggi gustosi e importanti,che ti fanno godere della carta scritta, della punteggiatura efficace, dell’odore della pagina appena aperta.

    Le corse in ospedale, prima di andare a scuola, per rubare ai medici qualche notizia sulla notte trascorsa dal padre, operato del solito male, da pochi giorni. L’isola Tiberina e il fiume erano tragicamente splendidi nel chiarore dell’alba!

    Verona, distrutta da un bombardamento e quell’armadio penzolante da una parete con brandelli di abiti e di vita che pendevano fuori…

    E poi,la neve,i giorni felici a Natale, con i bambini che imparavano a sciare sulle piste punteggiate da mille colori e portavano la sera le fiaccole,lungo un magico percorso di luce.

    Forse l’apertura della vista sul mondo ci costringe e irrigidisce in una sola dimensione,come la sua perdita ci rinchiude nell’ombra dei ricordi.

    Non vi sono quindi altri mondi in cui la dimensione dell’uomo possa aprirsi?

    Le immagini complesse e colorate che l’occhio che non vede riesce ancora a produrre, in una fantastica sequenza di cose viste, di volti rielaborati e trasfigurati nel ricordo, non possono costituire l’essenza di una realta’ più’ profonda, sconosciuta agli alfabeti di tutte le lingue?



Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per chiudere questo messaggio

Se vuoi saperne di piu' clicca qui.